Luigino Gomme - il tuo gommista di fiducia a Belluno

Giovedì, Novembre 23, 2017

Consigli per la manutenzione dei pneumatici

In questa sezione, Massimo mette a disposizione alcuni consigli per un corretto utilizzo e manutenzione dei vostri pneumatici. Qualche semplice accorgimento infatti può aiutare ad allungare la durata di vita del pneumatico e aumentare la sicurezza alla guida.

 


Come leggere un pneumatico

Le misure dei pneumatici, indicate sulla carta di circolazione, sono stabilite dal costruttore del veicolo e dal fabbricante del pneumatico, tenendo conto di tutti gli aspetti di funzionamento. Per questo motivo é obbligatorio attenervisi. Durante le operazioni periodiche di revisione questo parametro viene sempre controllato.

In caso di difformità, l'autoveicolo viene respinto e non passa la revisione. Per questo motivo, quando ci chiedete un preventivo, controlliamo sempre la misura sulla carta di circolazione.

 

Supponiamo di avere un pneumatico con le seguenti caratteristiche: 195/65R15 91H TL

195
é la larghezza del battistrada espressa in millimetri

65
é la serie tecnica o rapporto altezza/larghezza. In questo caso l'altezza del pneumatico é pari al 65% della larghezza

R
é il tipo di costruzione, in questo caso radiale

15
é il diametro del cerchio o diametro di calettamento espresso in pollici

91
é l'indice di carico ossia il carico massimo che il pneumatico può sopportare se gonfiato correttamente. (91 = 615 Kg)

H
é classe di velocità ossia la massima velocità sopportabile dal pneumatico a pieno carico. (H = 210 km/h).

TL
tubeless, ossia pneumatico privo di camera d'aria.


Come leggere un pneumatico nuovo

 

come leggere un pneumatico


Pressione e gonfiaggio scarsi

pressione scarsa del pneumatico

E' importante attenersi al valori di pressione prescritti dal costruttore del veicolo che sono riportati sul libretto "uso e manutenzione".
Pressioni insufficienti sono all'origine di:

  • surriscaldamenti e quindi danneggiamenti irreversibili del pneumatico
  • scarsa sicurezza di guida per alterato comportamento del veicolo
  • consumi rapidi ed irregolari
  • aumento del consumo di carburante

E' necessario verificare le pressioni almeno una volta al mese e comunque prima di un lungo viaggio senza dimenticare la ruota di scorta.
Queste verifiche devono essere effettuate a freddo (pneumatici fermi da almeno due ore) dato che la pressione aumenta con il riscaldamento conseguente al rotolamento.
In caso di controllo a caldo tenere conto di un incremento di almeno 0,3 bar. Non sgonfiare mai i pneumatici caldi.
In caso di sosta del veicolo per lunghi periodi consigliamo di aumentare la pressione di 0,5 bar e, se possibile, sollevare il veicolo da terra.

 

Esempio di pneumatico con scarsa pressione

 


Pneumatico fuori convergenza

Dettaglio di pneumatico fuori convergenza

Per assetto ruote s’intende l’insieme degli angoli caratteristici della geometria ruote che determinano la posizione e l’impronta a terra di queste ultime rispetto al piano longitudinale del veicolo, al piano trasversale e longitudinale dell’asse di sterzata e rispetto all’asse di simmetria.

Gli angoli caratteristici sono impostati dai progettisti allo scopo di assicurare al veicolo stabilità e direzione, tenuta di strada e corretto consumo dei pneumatici.

E’ necessario far controllare l’assetto delle ruote quando:

  • si è urtato qualcosa
  • si nota un’usura anomala o irregolare degli pneumatici
  • si riscontrano problemi di sterzata o di comportamento
  • il veicolo tira da una parte
  • il volante non torna facilmente alla posizione iniziale dopo una curva
  • percorrendo una strada dritta il volante rimane inclinato
  • si acquista un nuovo treno di pneumatici e si vuole che durino il più possibile
  • si sostituiscono componenti delle sospensioni o dello sterzo

La maggior parte dei problemi di regolazione dell’assetto (anteriore e/o posteriore) si possono risolvere nella nostra officina in circa 30 minuti tramite il banco assetto computerizzato, uno dei migliori presenti sul mercato.


 

Pneumatico fuori convergenza

 

 


Pneumatico usurato correttamente

Pneumatico correttamente usurato

La profondità della scultura deve essere verificata regolarmente. Il codice della strada prescrive che lo spessore minimo degli intagli del battistrada (profondità della scultura) dei pneumatici sia di 1,6 mm per autoveicoli, di 1 mm per i motocicli e di 0,5 mm per i ciclomotori.

I pneumatici hanno dei testimoni d'usura che indicano all'automobilista se sono vicini o meno al limite d'usura. Quando questi testimoni vanno a collimare con il battistrada, il pneumatico é completamente usurato e va sostituito. Sul fianco il testimone d'usura viene segnalato tramite un ideogramma o con l'indicazione T.W.I. (tread wear indicator).

Un pneumatico con ridotta profondità del battistrada segnala subito i sui limiti sul bagnato. In particolare, in presenza di grandi quantità d'acqua, non riesce più a scaricare correttamente, e s'incorre nel pericoloso fenomeno dell'aquaplaning (sollevamento del battistrada dal fondo stradale e galleggiamento sul velo d'acqua).

Per rimanere nei margini di sicurezza, indipendentemente dalle condizioni climatiche che possono variare senza preavviso, consigliamo di sostituire i pneumatici quando il battistrada residuo é di circa 3 mm.

 

Pneumatico usurato correttamente

 

Per approfondire ulteriormente l'argomento clicca qui

Per far controllare il tuo pneumatico e viaggiare in sicurezza contattaci ora scrivendo o chiamandoci allo 0437 931054

#

 

Michelin

BF Goodrich

Pirelli

Logo Bridgestone

Logo Firestone

Logo Barum

Logo Kormoran